Falanghina

Forse comincio da qui perché è un vino delle mie parti. Mi verrebbe da dire che è “il” vino delle mie parti. A Napoli le persone comuni, quelli come me, quando pensano a un bianco pensano alla falanghina.

falanghinaLo accompagniamo a quasi tutti i piatti di pesce, agli spaghetti con le vongole e alle impepate di cozze. Lo beviamo soprattutto d’estate, bello fresco, di sera, in uno di quei posticini belli davanti al mare: a Pozzuoli, a Baia, a Bacoli, a Capo Miseno. Non manca però sulle tavole invernali e durante le feste, a Natale come a Pasqua. In compagnia di altri vini più adatti alla stagione, magari, alle serate con le finestre chiuse, ma se chiedi, in genere, lei c’è.

Salito al Nord ho imparato ad apprezzare bianchi dal sapore più complesso o, come dicono gli intenditori, più strutturati: al confronto la falanghina può apparire un vino semplice, di mero accompagnamento. Ma devo dire, la maggior parte delle volte, va bene anche così.

Nella mia cantina ideale la terrei: per me, e per quando arriva qualche ospite delle mie parti: hai visto mai gli viene voglia di un sapore di casa.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.