Mattino

In bici da casa alla stazione. Cusano è ancora mezza addormentata, il giorno è giovanissimo,  l’aria fredda. I lampioni notturni sono ancora accesi e le decorazioni di Natale lucciacano. Io pedalo a velocità di crociera tra sparuti cusanesi infagottati, impettiti e vagamente ritrosi. Tra un po’ ci ritroveremo tutti sul treno per Milano: è un’ordinaria mattina di periferia che non mi dispiace.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.